facebook studio del benessere
 +41 091 9701400
Skip MenuHome > Cosa > Isopatia

La parola Isopatia deriva dal greco antico: “Iso” significa uguaglianza e “Patos” significa malattia.
La terapia isopatica è una terapia biologica scoperta dal professore tedesco Günther Enderlein (1872-1969). Grazie alle sue ricerche sappiamo oggi che nell’organismo umano esistono delle simbiosi tra i diversi microorganismi esistenti.

Questi microorganismi possono cambiare la loro forma, grandezza e livello di sviluppo secondo l’ambiente in cui vivono, e mutare da forme fisiologiche in patologiche.
Inquinamenti ambientali, metalli pesanti, acidità, tossine, infezioni o mancanza di minerali e vitamine, hanno un influenza fondamentale sulla loro forma di vita.
Più un organismo è sano e in equilibro, più questi microorganismi vivono in armonia e in forma fisiologica. Più un organismo è invece inquinato, intossicato, stressato, malato o disequilibrato per mancanza di sostanze vitali, più questi organismi mutano in una forma patologica per l’essere umano.

Un classico esempio ne è la candida, un fungo che fa parte della nostra naturale flora intestinale.
Se per esempio una persona è intossicata con il mercurio derivante dalle amalgame presenti negli stucchi dentali, gli ioni di mercurio presenti nella saliva provenienti dagli stucchi si possono depositare nelle cellule intestinali, creando un ambiente ideale per la crescita della candida sotto forma patologica.
I sintomi possono essere stanchezza e mancanza di vitalità, difficoltà digestiva, sensazioni di gonfiore, stipsi ecc. e può perfino portare alla cistite cronica nelle donne.

Un organismo sano riesce senza difficoltà a difendersi da metalli pesanti e candidosi, mentre un organismo malato non ci riesce e cerca una convivenza malsana con il suo microorganismo.

Isopatia - Günther Enderlein

Come funziona la terapia isopatica?

Con gocce ricavate dal microorganismo che crea la patologia, ma sotto forma dinamizzata e potenziata, si riesce a ridurre la crescita patologica dei microorganismi. Parliamo quindi di un sistema somigliante all’omeopatia, che cura una malattia con un rimedio simile, mentre con l’isopatia invece curiamo con la stessa sostanza sotto forma vibrazionale.

Se nella medicina tradizionale si lavora con la legge dell’antibiosi, cioè si cerca di togliere un sintomo attraverso la morte di un virus, un batterio o un fungo utilizzando antibiotici o impedendo la sua crescita tramite medicinali, nell’ isopatia si lavora invece secondo la legge della simbiosi, insieme alla natura e per il beneficio dell’organismo portatore del microorganismo.

Altre informazioni: www.sanum.de